Home / Luoghi / Bellosguardo
Bellosguardo

Bellosguardo

BellosguardoComune di Bellosguardo

Largo Municipio 8, 84020

Centralino 0828 965026 /Fax  0828 965501

comune.bellosguardo@asmepec.it

www.comune.bellosguardo.sa.it

Cenni storici

Il toponimo Bellosguardo deriva dai panorami che si possono ammirare da qualsiasi punto del suo territorio. Le origini del paese sono molto incerte. I Indizi di una probabile occupazione antropica durante l’età del ferro, sono documentati da carteggi conservati nel museo archeologico provinciale di Salerno, che registrano rinvenimenti di ceramica e ambre risalenti all’VIII secolo a.C. Per la sua favorevole posizione sulla strada che da Paestum porta in Lucania, fu sicuramente abitato in età storica, come testimoniano alcune tombe del IV-III secolo a.C., rinvenute nel territorio. Notizie più certe su Bellosguardo risalgono all’epoca medievale, durante la quale il centro si consolidò divenendo la seconda “Rocca” dell’antica città di Fasanella. Infatti, in seguito alla distruzione e al conseguente spopolamento di Sant’Angelo a Fasanella per mano di Federico II avvenute a metà del XIII secolo, Pandolfo Fasanella fece costruire a Bellosguardo una residenza, intorno alla quale probabilmente si raccolse il paese dal XV secolo. Nei secoli successivi e fino all’abolizione del sistema feudale, Bellosguardo passò da un signore all’altro, tra cui i Predicato Barile, i San Severino, i Caracciolo; nel 1600 fu sotto l’influenza di Florenzia de Vaaz, mentre nel 1695 divenne proprietà di Giacomo Pignatelli, ed in fine dei Caracciolo. Nel XIX secolo i cittadini di Bellosguardo parteciparono alle concitate fasi che portarono all’Unità d’Italia, arruolandosi nell’esercito garibaldino.

Cosa Vedere

Chiesa di San Michele

Le più antiche informazioni circa l’esistenza della chiesa risalgono al 1595. Essa custodisce al suo interno dipinti raffiguranti San Giuseppe, San Michele e la Vergine del Rosario sul soffitto, due tele dei Santi Pietro Paolo risalenti al 1926, ai lati del transetto e nella sacrestia una rappresentazione settecentesca di San Giuseppe. L’abside ospita la statura del Santo protettore Michele. Tra il 1783 e il 1807 l’edificio venne ampliato e verso la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, nuovamente ristrutturato.

Chiesa di Santa Maria delle Grazie.

L’edificio di culto costruito nel 1512 è annesso al convento dei Padri Minori di San Francesco, un tempo di proprietà dei monaci francescani. L’accesso alla chiesa avviene attraversando un pregevole portale risalente al 1521, che reca sui lati due leoni in pietra di elegante fattura e realizzati da Berardino Rotondo da Castelcivita. L’interno della chiesa è dominato da un’ampia navata centrale e da una sola navata laterale. Di particolare pregio sono l’affresco raffigurante la deposizione di Cristo attribuito alla scuola di Giotto, e una statua lignea raffigurante la Madonna delle Grazie di fattura Napoletana, datata ai primi anni del ‘700. Nel XVIII secolo vi si ritirò in preghiera il confratello Lorenzo Ganganelli, futuro Papa Clemente XIV. Del convento restano oggi solo i ruderi del chiostro mentre l’antica chiesa dedicata a Santa Maria della Pietà è oggi sede del Museo.

Eventi principali

  • Sagra della Sfogliatella agosto-settembre
  • Festa patronale di San Michele 29 settembre

Associazioni

Pro Loco Bellosguardo www.prolocobellosguardo.it

Cosa e dove mangiare

Pasta fresca ; Prodotti da forno secchi; Prodotti da forno freschi; Piante aromatiche, erbe spontanee e spezie; Olio extra vergine d’oliva; Ortaggi e tuberi; Legumi; Vino; Caciocavallo podolico e formaggi vari; Cacioricotta 

Società Agricola Belrisguardo – Bellosguardo

Come arrivare

In auto

Immettersi sull’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire allo svincolo di Battipaglia e proseguire seguendo il percorso: Capaccio Scalo – Roccadaspide – Bellosguardo. In alternativa: Uscire allo svincolo di Eboli e seguire il percorso: Serre di Persano – Controne – Castelcivita – Ottati – Sant’Angelo a Fasanella – Corleto Monforte – Bellosguardo.
In treno
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Capaccio-Roccadaspide.

 

About rete

Check Also

Panorama Santomenna

Santomenna

Comune di Santomenna Piazza Municipio 1 Tel. 0828 911004/ Fax 0828 911058 protocollo.santomenna@asmepec.it www.comune.santomenna.sa.it